Grassi buoni: perché gli acidi grassi omega 3 sono di vitale importanza

20.08.2021 13:56
 

 

Il nostro cervello è costituito in gran parte da grassi, in particolare l'acido grasso omega 3 DHA è soprattutto presente nelle nostre cellule cerebrali. La retina è anche in gran parte costituita da acidi grassi polinsaturi. È stato dimostrato che gli acidi grassi Omega 3 aiutano a mantenere la normale funzione cerebrale, a sostenere la normale funzione cardiaca e a mantenere una normale visione [1]. Le loro forme più conosciute sono l'acido alfa-linolenico (ALA), l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA).

 

I primi sintomi di una carenza possono essere unghie fragili, pelle molto secca, problemi ad addormentarsi, difficoltà di concentrazione, stanchezza, nervosismo o dolori articolari. Se una carenza viene trascurata per molto tempo, i processi metabolici nel corpo possono essere compromessi, portando a gravi conseguenze come malattie cardiovascolari. Soprattutto nel caso di malattie già esistenti del sistema cardiovascolare e di malattie reumatologiche, si dovrebbe prestare attenzione ad assumere abbastanza omega 3. Per le persone che seguono una dieta vegana o vegetariana, un adeguato apporto delle due forme biologicamente più efficaci di acidi grassi omega 3 - l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) - è possibile solo attraverso l'integrazione con integratori alimentari. Tuttavia, questi integratori alimentari spesso non sono privi di ingredienti di origine animale, perché EPA e DHA si trovano quasi esclusivamente nel pesce o nell'olio di pesce. Inoltre, la gelatina è spesso usata come rivestimento per le capsule softgel.

 

Olio di alghe: l'alternativa vegana al pesce

 

Ma c'è anche un'alternativa per tutti coloro che mangiano una dieta a base vegetale o semplicemente trovano l'odore del pesce sgradevole. La microalga Schizochytrium sp. crea nelle sue cellule gli acidi grassi omega 3 che sono importanti per noi. Anche i semi e l'olio, ad esempio di semi di lino, di colza o di canapa, contengono acidi grassi omega 3, ma solo nella loro forma di acido alfa-linolenico (ALA). Questo può essere convertito nel corpo nelle forme biologicamente attive DHA e EPA, ma solo per il 5% circa [2]. Di conseguenza, gli oli vegetali che contengono ALA sono una buona aggiunta per una dieta salutare, ma non sono sufficienti a coprire il bisogno di EPA e DHA. L'olio di alga è l'unico olio vegetale che contiene acidi grassi omega 3 nella loro forma biologicamente utilizzabile. Per la produzione di integratori alimentari, però, le alghe non vengono dal mare, ma coltivate e lavorate sotto alti standard igienici in acqua salata purificata. Da una parte, questo sistema protegge gli ecosistemi, e dall'altra produce materie prime di altissima purezza.   

 

Omega 3 vs. Omega 6: è tutta una questione di giusto equilibrio!

 

Oltre agli acidi grassi omega 3, anche gli acidi grassi omega 6 sono un fattore importante da considerare. Entrambi gli acidi grassi sono convertiti nel corpo in sostanze messaggere che sono responsabili della regolazione della pressione sanguigna o delle reazioni infiammatorie, per esempio. L'acido linoleico e l'acido arachidonico, che sono formati da acidi grassi omega 6, promuovono l'infiammazione, mentre le sostanze messaggere degli acidi grassi omega 3 hanno al contrario un effetto antinfiammatorio [3]. Un apporto elevato di acidi grassi omega 6, che si trovano principalmente nei prodotti animali o negli oli vegetali come l'olio di semi di girasole, è problematico. Gli acidi grassi Omega 3 e 6 sono metabolizzati a livello enzimatico allo stesso modo. Un rapporto sbilanciato porta a un assorbimento ridotto degli importanti acidi grassi omega 3 e quindi a un maggiore potenziale infiammatorio nel corpo. A causa della nostra dieta occidentale, l'assunzione di acidi grassi omega 6 è decisamente troppo alta rispetto all'assunzione di acidi grassi omega 3. L’Associazione tedesca per la nutrizione (DGE e. V.) raccomanda un rapporto di 1:5, ma in realtà le persone in Germania consumano da dieci a venti volte più acidi grassi omega 6 [4], mentre la quantità di DHA è chiaramente troppo bassa con una media di 0,2 g [5]. Quando si sceglie cosa mangiare, si dovrebbe prestare attenzione a un rapporto adeguato di acidi grassi omega 3 e omega 6. Gli integratori alimentari possono aiutare quindi a mantenere un equilibrio sano nel corpo.    

 

Fonti:

 

[1] https://www.bvl.bund.de/SharedDocs/Downloads/01_Lebensmittel/healthclaims/Omega%203%20Empf.%20II.pdf;jsessionid=0D883F3FEDCC773A099CFFDAC826432F.1_cid341?__blob=publicationFile&v=3

[2] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9637947/

[3] Biesalski, H. K. Et al. : Taschenatlas Ernährung, 6. Auflage. Stuttgart: Thieme Verlag, 2015.

[4] https://www.dge.de/wissenschaft/referenzwerte/fett/?L=0

[5]  https://www.lebensmittelverband.de/de/lebensmittel/nahrungsergaenzungsmittel/nahrungsergaenzung-naehrstoffe/nem-omega-3-epa-dha



 

Prodotti raccomandati


OMEGA 3 VEGANO

Omega 3 vegano da olio di alghe Schizochytrium che contiene sia l'acido docosaesaenoico (DHA) che l'acido eicosapentaenoico (EPA).

COMPRALO SUBITO


 
20.08.2021 13:56
Grassi buoni: perché gli acidi grassi omega 3 sono di vitale importanza
Gli acidi grassi Omega 3 appartengono agli acidi grassi essenziali. Devono essere assunti attraverso il cibo, perché il nostro corpo non può produrli da sé. Perché sono così importanti e come si può coprire il fabbisogno giornaliero?
21.05.2021 10:38
Carenza o non carenza? Determinare i livelli di vitamine da casa con i test nutrizionali
L'aumento dello stress, una dieta monotona o sbilanciata, malattie metaboliche: sono tutte possibili ragioni per una carenza di nutrienti. Con gli auto-test cerascreen® puoi effettuare le analisi del sangue comodamente da casa.
13.01.2021 12:28
Stitichezza: 6 consigli per favorire la regolarità intestinale
Soffrire di stitichezza può portare ad alcuni disturbi, come digestione lenta, dolore e gonfiore addominale. Questa problematica influisce non solo sul nostro benessere fisico, ma anche su quello mentale. Non sorprende che i lassativi siano tra i farmaci più usati, ma - per fortuna – questi non sono l'unica soluzione. Esistono, infatti, alternative sicuramente migliori. Vediamole insieme!
27.11.2020 14:56
Malinconia invernale? Non con noi! 6 consigli per mantenere il buon umore durante la stagione fredda
Secondo un sondaggio il 24% degli uomini e il 36% delle donne ha dichiarato di essere caduto in uno stato di umore negativo in inverno. Ecco alcuni consigli per rimanere di buon umore anche i quei giorni cupi e freddi.

Devi accedere per scrivere un commento.